A Treviso incontro internazionale degli scout d’Europa

Due giorni di confronto sulle problematiche giovanili tra le delegazioni di capi scout della Federazione dello scoutismo europeo provenienti da otto diversi Paesi.
I prossimi 25 e 26 marzo la città di Treviso ospiterà un incontro internazionale di fondamentale rilevanza per lo scoutismo cattolico europeo.
All’incontro, organizzato periodicamente nei Paesi europei, parteciperanno i due commissari generali italiani: Michela Bertoni di Udine e Marco Platania di Catania. Con loro le delegazioni provenienti da Austria, Spagna, Belgio, Romania, Inghilterra, Irlanda e Slovacchia. Le delegazioni saranno guidate da Martin Hafner, commissario federale.
Si tratta di un’occasione importante per discutere di problematiche giovanili e di questioni di carattere pedagogico e metodologico nell’approccio con i ragazzi che decidono di vivere l’esperienza scout nella Fse, la Federazione dello scoutismo europeo.
Quest’anno è stata scelta la Casa scout “Anna e Franco Feder” di Borgo Furo a Santa Bona. Gli spazi, ampliati e ristrutturati, comprendono aree culturali, una sala riunioni e una foresteria con 18 posti letto che consentirà di ospitare la delegazione. La decisione conferma l’importanza della struttura nata per dare un punto di riferimento agli oltre 2800 scout trevigiani dell’Associazione italiana guide e scout d’Europa cattolici, ma anche luogo per attività e formazione a livello regionale, nazionale ed internazionale. “Per noi – commenta Marialuisa Faotto, presidente della Cooperativa Euro Scout che gestisce la Casa – è significativo che l’associazione nazionale abbia affidato alla Cooperativa l’organizzazione di un incontro così importante: evidenzia fiducia nei nostri confronti”. La sera del 25, per concludere la prima giornata di lavori, è stata organizzata una cena con tutti i Commissari di distretto e il presidente Antonio Zoccoletto. La serata si concluderà con la visita in notturna alla città di Treviso.