Author: cmd

ARENA DI PACE 2024 il 18 maggio, a Verona. VEDI le istruzioni per partecipare

Papa Francesco sarà a Verona il 18 maggio e prenderà parte all’Arena di Pace, dove incontrerà e dialogherà con varie realtà della società civile, dell’associazionismo e dei movimenti popolari presenti in Italia. ARENA DI PACE 2024 non è un evento isolato, ma un percorso iniziato a giugno 2023, promosso da Diocesi di Verona e alcune riviste cattoliche italiane (Nigrizia, Missione oggi, Mosaico di pace, Aggiornamenti sociali … Continua a leggere ARENA DI PACE 2024 il 18 maggio, a Verona. VEDI le istruzioni per partecipare »

Dalla Tanzania P. Francesco Bernardi. I suoi saluti e auguri con il racconto “LO SCATOLONE DI MARIA”

“Mamma, che regalo vuoi per i tuoi 80 anni?” chiesero i sette figli di Maria. “Bravi! Un regalo me lo merito dopo 80 anni di lavoro” rispose la donna. “Io, mamma, ho pensato di regalarti un servizio di piatti” esordi’ il figlio primogenito. “Io un completo di posate” aggiunse l’ultimogenito. Ed io due gonne multicolori” si intromise una delle tre figlie… “Grazie, figlie e figli carissimi – interruppe la ottantenne -. … Continua a leggere Dalla Tanzania P. Francesco Bernardi. I suoi saluti e auguri con il racconto “LO SCATOLONE DI MARIA” »

Ecuador: riconoscimento dal Parlamento a Don Graziano Mason, missionario fidei donum della nostra diocesi

18/03/2024

“Noi abbiamo visto i bisogni della gente… abbiamo sognato un Paese giusto, un’America Latina giusta!”. Così padre Graziano Mason ha ringraziato parlando. all’Ufficio Nazionale delle rappresentazioni parlamentari, a Quito. Il Parlamento andino ha riconosciuto, infatti, come, per quasi cinquant’anni, l’opera di padre Graziano si sia caratterizzata per l’annuncio del Regno di Dio nelle comunità più vulnerabili. Ha sottolineato come l’opera sia stata improntata a promuovere l’unità dei popoli e nazioni, attraverso forme di solidarietà, collaborazione, lavoro dignitoso e un commercio equo e giusto. La motivazione della riconoscenza continuava, richiamando alcuni aspetti attuali in cui vive l’Ecuador, richiamando la situazione critica che sta attraversando a causa dell’aumento dell’insicurezza, del narcotraffico, della corruzione e di altre situazioni che hanno accresciuto i problemi economici, favorito la disoccupazione, aumentato l’emigrazione, specie dei contadini. Ancora oggi, padre Graziano insiste e continua a promuovere la collaborazione, costruendo spazi che generano un’economia solidale e popolare, fonte di lavoro e miglioramenti economici delle famiglie più disagiate. Sono cammini di speranza, e per questo il Parlamento andino, formato da rappresentanti di Ecuador, Perù, Bolivia e Colombia, gli ha conferito la massima onorificenza Simón Bolívar per l’integrazione dei popoli. La cerimonia di “con-decorazione” si conclude a Bogotá (Colombia) proprio il 14 marzo, in coincidenza del trentanovesimo anniversario della fondazione Maquita chushunchic, commercio fraterno, di cui padre Graziano è il fondatore e leader carismatico. E’ una fondazione che unisce più di duecentocinquanta organizzazioni ecuadoregne e che continua a crescere, come “la semente di senape” del Vangelo. A conclusione, ci piace ricordare le parole di padre Graziano: “Dobbiamo continuare a credere, continuare ad amare, continuare a lavorare con passione e gioia per un mondo in cui insieme, uomini e donne, l’umanità e il Pianeta, possiamo vivere in fraternità”. (Maria Jesús – fondazione Maquita)


La pace? Parliamone insieme nel prossimo incontro on line dell’iniziativa di informazione missionaria curata dalle nostre diocesi

Sul fatto che vogliamo la pace siamo tutti d’accordo, ma se poi iniziamo a guardare i dettagli sul conflitto in Ucraina, sulle bombe a Gaza o su quelle battaglie dimenticate sparse in Africa, Asia e Latino America cominciano i distinguo, le discussioni sul diritto a difendersi o ad aggredire e perdiamo lucidità. La pace va preparata, giorno per giorno, con scelte concrete che arginano la violenza e il suo effetto a catena. Come?
Parliamone sul serio la sera del 18 marzo: appuntamento alle 20.45 su
https://www.youtube.com/@lunedidellamissione

Iscriviti al canale, condividi il link, preparati con delle domande scomode: dobbiamo cercare di rifletterci insieme. Il tema è complicato. C’è bisogno di intere comunità che ci riflettano.