Archivi della categoria: Missionari

RICORDIAMO P. Rolando Trevisan, da Massanzago, per quarant’anni missionario saveriano in Congo

Giovedì 5 maggio scorso, nel giorno del suo 93° compleanno, la sua comunità parrocchiale gli ha dato l’ultimo saluto. A presiedere l’Eucarestia, a nome del vescovo Michele Tomasi e di tutta la diocesi, è stato mons. Giuseppe Rizzo, delegato per la Vita consacrata, che ha voluto ricordare, insieme a padre Rolando, i tanti missionari, sacerdoti, religiosi e religiose che, incarnando come meravigliosa parabola il Vangelo, … Continua a leggere RICORDIAMO P. Rolando Trevisan, da Massanzago, per quarant’anni missionario saveriano in Congo »

In ricordo di Padre Ernesto Balducci, a trent’anni dalla morte. Fu un profeta, un uomo di pace, anticipatore di importanti temi

Enrico Vendrame ne tratteggia la figura,  intervistando Andrea Cecconi, presidente della fondazione Ernesto Balducci A 30 anni dalla morte di padre Balducci (1922-1992) il suo pensiero anticipatore di importanti temi come l’obiezione di coscienza, l’ecologia umana e l’accoglienza interpella ancora le coscienze su guerra e migrazioni. “Se vuoi la pace, prepara la pace”. E’ una delle frasi più significative del pensiero di padre Ernesto Balducci … Continua a leggere In ricordo di Padre Ernesto Balducci, a trent’anni dalla morte. Fu un profeta, un uomo di pace, anticipatore di importanti temi »

Ai nostri missionari e missionarie nel mondo la lettera per vivere in vicinanza la Quaresima e la Pasqua. Annunciato anche per il 13 luglio, a Morgano, l’incontro annuale dei missionari trevigiani.

(nella foto l’incontro dell’anno scorso a Mogliano, il 3 settembre, anche in video collegamento con i missionari dai vari paesi di missione)

Ecco il testo della lettera:

A tutti voi, cari missionari e missionarie della Chiesa di Treviso
Vi raggiungo in questo tempo di quaresima che sembra lungo e interminabile. Una grande quaresima stiamo vivendo, segnata da fatiche, tensioni sociali, paure di guerre, di malattie, di crisi economiche… A volte ci sentiamo abbattuti, e anche come Chiesa sentiamo un certo “smarrimento”. Vengono alla mente le parole del profeta (Ger 14,18-19) “Se esco in aperta campagna, ecco i trafitti di spada; se percorro la città, ecco gli orrori della fame. Anche il profeta e il sacerdote si aggirano per il paese e non sanno che cosa fare…Aspettavamo la pace, ma non c’è alcun bene, l’ora della salvezza ed ecco il terrore!”.

Ma come cristiani sentiamo anche che proprio questo è tempo in cui siamo chiamati a dare ragione della speranza che è in noi, a testimoniare la Resurrezione e il dono della Vita che vince la morte. Siamo in attesa della Pasqua, e insieme anche a voi che vivete in terre lontane, e che con la vostra vita condividete cammini di speranza con gli ultimi, con i poveri, con tanti “esclusi e scartati”, vogliamo ancora dire “Buona Pasqua di Resurrezione”! E per rendere più credibile il nostro augurio, vogliamo anche cercare i segni di speranza che già sono presenti in mezzo a noi.

E allora non possiamo non accorgerci che “cose nuove” stanno crescendo; per esempio mai avremmo potuto lontanamente immaginare come sia grande la generosità e l’accoglienza di tanta gente, di tante famiglie, nel nostro Veneto, in Italia, in tutta Europa. Quanta solidarietà emerge in questo tempo dinanzi a migliaia di profughi ogni giorno. Ma anche è bello constatare quanto sia radicata nel cuore di tanta gente l’avversità alla guerra, alla prevaricazione verso altri popoli. E ancora quanto desiderio di pregare insieme, anche spontaneamente, per la pace, anche insieme ai fratelli ortodossi di Ucraina o di Russia. Sono segni di speranza che non conoscevamo.

Come Chiesa di Treviso, c’è stata poi una bella adesione al “cammino sinodale”. In alcuni casi ho avuto modo di parteciparvi nei gruppi missionari e anche con alcuni gruppi giovani. Questi ultimi soprattutto, sono stati sinceri, aperti, schietti nel dire che la Chiesa ha bisogno di una grande conversione, di “sporcarsi le mani” con gli ultimi, di uscire dal suo mondo ristretto e ascoltare e condividere la vita della gente. Anche questi inviti alla conversione che ci giungono sono segni di speranza. E poi, come qualcuno di voi già saprà, la nostra chiesa di Treviso, nonostante le fatiche e le poche vocazioni, si impegna ancora con forza nella dimensione missionaria. A breve partirà per il Ciad un giovane prete, don Riccardo De Biasi, e poi si aprirà una nuova missione in Amazzonia, dopo Manaus, che abbiamo da poco lasciato.

Il Vescovo Michele nell’inserto missionario “Terre e Missioni “di Vita del Popolo, fa suo infatti l’appello di Papa Francesco, espresso nella “Querida Amazonia”, a incoraggiare l’invio di vocazioni missionarie proprio in quest’area.  Si aprirà dunque una collaborazione tra le Diocesi di Treviso, Padova e Vicenza nella missione di Roraima, nelle zone confinanti con il Venezuela. Sarà una sfida pastorale per noi inedita, segnata dalle forti questioni sociali (migranti venezuelani), ecologiche, nella difesa dei diritti delle popolazioni native oltre che di evangelizzazione e pastorale ordinaria. Il Vescovo ci esorta ad accompagnare con la preghiera questo processo di avvio di una nuova e significativa esperienza missionaria della Chiesa di Treviso.

Il nostro Vescovo Michele, poi, vi aspetta come ogni anno quando durante il tempo estivo rientrate nella nostra Diocesi. Anche noi del Centro Missionario desideriamo incontrarvi e fin d’ora vi segnaliamo l’appuntamento in modo che possiate anzitempo annotarlo nella vostra agenda. L’incontro quest’anno sarà a Morgano il 13 luglio (inizieremo l’incontro per voi missionari/e presso la “Casa Respiro” in via Munara 4 a Morgano”). Vi preghiamo di segnalarci al vostra presenza (per organizzare l’accoglienza e anche la cena della sera). Se volete venire accompagnati (magari anche dallo stesso vostro Parroco!!) ci farebbe piacere; così viviamo un momento ecclesiale anche più forte e anche i parroci o cappellani conosceranno meglio la “missione”!!!

Vi lascio il programma del nostro incontro e, come dicevamo, potete confermare la vostra presenza all’avvicinarsi della data (comunque entro fine giugno).

A tutti voi, un grande e sincero augurio di Buona Pasqua!!

Don Gianfranco e collaboratori del CMD
direttorecmd@diocesitreviso.it

 

PROGRAMMA DEL 13 LUGLIO A MORGANO

ore 15.30:       accoglienza (presso la Casa Respiro)
ore 15.45:       inizio del nostro incontro con la presenza del Vescovo
ore 17.00:       visita alla Casa Respiro
ore 18.30:       Santa Messa in Parrocchia (animata dai giovani e gruppo missionario);
alla messa si aggiungeranno anche altri sacerdoti rientrati dalla missione e altri amici e conoscenti
ore 19.45        cena allo stand della sagra parrocchiale

Per comunicare la vostra presenza e il numero di partecipanti, potete avvisare a:
Don Gianfranco (direttorecmd@diocesitreviso.it)
Coop. Lucia (cmd@diocesitreviso.it)
Rino Franceschi (cmd@diocesitreviso.it)


RICORDIAMO Suor Ernestina Squizzato, originaria di Resana, per 36 anni missionaria in Guinea Bissau

Francescana di Cristo Re, si avvicinava agli 84 anni suor Ernestina quando partì per l’ultima volta per la Guinea Bissau. Si sentiva un po’ stanca, ma comunque volle raggiungere la sua missione. “Ho ancora un po’ di forze, posso fare ancora qualcosa in Africa”, disse partendo. E’ morta a 86 anni tra la sua gente, che ha amato e dalla quale è stata amata. Molti … Continua a leggere RICORDIAMO Suor Ernestina Squizzato, originaria di Resana, per 36 anni missionaria in Guinea Bissau »

CI SCRIVE Dom Luciano Bergamin, nativo di Loria, vescovo emerito della Diocesi di Nova Iguaçu, alla periferia di Rio di Janeiro, Brasile

In felice contatto con il Centro Missionario Diocesano, grato alla Chiesa Diocesana che mi ha visto nascere e crescere. “Sono Dom Luciano Bergamin, vescovo emerito, nativo di Loria. Chierichetto nella parrocchia di San Bartolomeo, entrai nell’Alunnato San Pio X, a San Floriano di Castelfranco Veneto, dai Canonici Regolari Lateranensi, nel 1955.  Continuando la formazione e gli studi, fui ordinato sacerdote nel 1969 da Monsignor Cognata. … Continua a leggere CI SCRIVE Dom Luciano Bergamin, nativo di Loria, vescovo emerito della Diocesi di Nova Iguaçu, alla periferia di Rio di Janeiro, Brasile »

CI SCRIVE don Silvano Perissinotto con la sua “lettre aux amis” dalla missione di Fianga, in Ciad

Carissime amiche e amici, come state? Come vanno le cose in Italia? Sono armai passati alcuni mesi dall’ultima “lettre aux amis” (maggio 2021), e in questo periodo di cose ne sono successe tante. Dal 25 giugno al 13 settembre 2021 sono stato in Italia, precisamente a Marcon, per un tempo di riposo e di vacanze anche se, di fatto, è stato un tempo contrassegnato da … Continua a leggere CI SCRIVE don Silvano Perissinotto con la sua “lettre aux amis” dalla missione di Fianga, in Ciad »