Mi alzerò, andrò da mio padre 

XXIV DOMenica del Tempo ordinario

Un uomo cammina in una strada di campagna con un bastone in mano e una gerla sulla schiena. Si lascia alle spalle un’esistenza di caos e disordine, per intraprendere un viaggio verso un diverso modo di percepire la vita. Si sta avvicinando a un cancello di legno, si trova di fronte a una nuova porta, una nuova strada, una nuova vita (don Luca Vialetto).

 

Hieronymus Bosch “il figliol prodigo” – Olio su Tavola, diametro 71,5 cm, 1510, Museo Boijmans Van Beuningen, Rotterdam