Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo

XII DOMENICA T.O. ANNO A
Come può essere trionfante chi ha perso perfino la sua stessa vita: guardato dalla prospettiva di Dio il mondo si trasforma, cambiano i significati, muta l’importanza delle cose, perciò l’angelo dal cielo porge la palma della vittoria a Teonisto e ai suoi compagni, rivestiti dei paramenti sacri, non perché viaggiassero in piviale e dalmatica al momento del loro martirio, ma perché per loro la liturgia si è riversata nella vita e con la loro esistenza celebrano l’autentico atto di culto (don Luca Vialetto).
Antonio Zanchi “Martirio dei santi Teonisto, Tabra e Tabrata” sec. XVII, Cattedrale – Treviso